Reggia di Caserta

Reggia di Caserta

Una vera reggia degna delle favole

La Versailles italiana

Biglietto cumulativo: Appartamenti storici, Mostra Terrae Motus, Parco e Giardino Inglese

Chiusura: tutti i Martedì; 25 dicembre; 1 gennaio

Orari d'apertura:
Appartamenti: 8:30 - 19:00; ultimo ingresso: 18:30

Mostra: 9:00 - 18:00 visita guidata da Assistenti Museali ogni ora

Parco e Giardino:
- Gennario, febbraio, novembre e dicembre: 8:30 - 14:30
- Marzo: 8:30 - 16:00
- Aprile 8:30 - 17:00
- Maggio e settembre: 8:30 - 17:30
- Giugno, luglio e agosto: 8:30 - 18:00
- Ottobre: 8:30 - 16:30
Il Giardino Inglese chiude un'ora prima dell'ultimo ingresso al Parco.

SERVIZIO SILENZIATORI ("WHISPER"):

In adesione a quanto comunicato dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Soprintendenza BAPPSAE di Caserta e Benevento con nota del 16 aprile 2007 applicativa di un progetto nazionale finalizzato a contenere il rumore negli spazi museali con oltre 500.000 accessi l'anno, i visitatori in gruppi di più di 12 persone hanno l'obbligo di munirsi degli apparecchi silenziatori (whisper) prima di accedere al museo. (€ 1,80 a persona, da pagare in loco)

Gli apparecchi sono distribuiti a fianco alla biglietteria o presso la biglietteria stessa. Il pagamento si effettua in biglietteria (Euro 1.80 a persona per i gruppi, indipendentemente dall'età, dalla nazionalità e dalla professione dei visitatori; Euro 1.20 a persona per le scolaresche; accompagnatori e guide turistiche campane sono esentati dal pagamento).

La prenotazione deve essere richiesta con almeno 1 giorno lavorativo di anticipo.

Risparmia tempo nell'ordinare! Aggiungi al tuo basket tutti i biglietti che vuoi, poi riempi il modulo d'ordine e invia la richiesta.

Prima di effettuare l'ordine leggi le Informazioni sull'ordine.

IMPORTANTE:Dopo aver completato con successo una prenotazione, riceverete due e- mails: la copia del vostro ordine (immediatamente dopo averlo fatto) e la mail di conferma (un giorno lavorativo dopo). Per poter ricevere queste due mail, vi preghiamo di accertarvi di inserire correttamente il vostro indirizzo di posta elettronica e controllare che i filtri anti-spam o antivirus non blocchino le mail dal nostro indirizzo [email protected] . Attenzione speciale da parte degli utenti di AOL.

ATTENZIONE: se l'orario richiesto è esaurito, il museo confermerà automaticamente l'orario disponibile più vicino a quello richiesto, nella stessa data.

Politica di cancellazione:
Per cancellazioni ricevute una volta assegnato il codice di conferma, fino a 2 giorni prima della visita, possiamo rimborsare il costo di biglietti non utilizzati meno il costo del servizio (prevendita e prenotazione online). Cancellazioni successive e no show non sono rimborsabili.

L'Europa del Settecento, al livello delle sue classi dominanti, forma una sola nazione la cui omogeneità non ha riscontro in alcuno dei secoli precedenti.

Da Parigi a Pietroburgo e da Berlino a Napoli segni evidenti si ritrovano nel costume come nell'uso universale della lingua francese, nel cosmopolitismo delle aristocrazie e degli intellettuali come nella filosofia dell'Illuminismo, nelle regge dei regnanti come nel gusto artistico o nelle logge massoniche. Le regge, simbolo degli splendori e del mecenatismo delle monarchie, sopravvissute a rivoluzioni, bombardamenti e incuria, rappresentano l'elemento più tangibile della grandiosità delle dinastie che le hanno volute e vissute.

In seguito alla morte dell'Imperatore Carlo VI, era scoppiata una nuova guerra e la capitale si era trovata a sottostare alle pressioni della flotta inglese per ottenere la neutralità del Regno delle Due Sicilie; nell'animo del re si fece più forte l'esigenza di costruire una nuova capitale lontana dal mare, ma non troppo distante da Napoli. Il luogo che meglio si prestava a tale scopo era un vasto terreno pianeggiante ai piedi dei Monti Tifatini, di proprietà dei conti di Caserta, irriducibili avversari dei Borbone, che il Re acquistò inizialmente come riserva di caccia.

Scelti i luoghi, bisognava trovare l'architetto capace di ideare l'edificio che, oltre ad ospitare la famiglia reale, potesse contenere un'Università, i dicasteri, una biblioteca pubblica, la magistratura, un gran teatro, un seminario ed una chiesa cattedrale; certamente, nell'ideare la "sua" reggia, il pensiero del re correva alla meravigliosa Versailles dove aveva trascorso momenti indimenticabili, ospite della corte francese. Carlo conferì l'incarico a Vanvitelli, architetto in San Pietro, dopo aver chiesto al papa Benedetto XIV il suo benestare.

Il progetto presentato da Vanvitelli in sedici tavole incise su rame non comprende solo la Reggia e le sue dipendenze, ma traccia la pianta e la fisionomia della nuova città che doveva sorgerle accanto, segna le strade di collegamento con i paesi vicini e, soprattutto, traccia la spina dorsale del progetto, il Gran Viale tra Napoli e la grande Cascata che sgorga dalla collina di Briano, a voler collegare idealmente la nuova capitale con la metropoli lontana passando per il Palazzo Reale, punto di riferimento e unità di misura di una composizione senza confini, su cui esso domina con la sua mole squadrata e la sua imponenza volumetrica. Il Palazzo è collegato idealmente a Napoli dal nastro bianco che si stacca dalla Cascata e sembra segnare il percorso d'acqua per raggiungere la capitale. Il Viale doveva essere costeggiato da ruscelli, derivazioni dell'acquedotto carolino, ma non fu mai realizzato.

La collina di San Leucio è posta a nord-est dell'abitato di Caserta; il palazzo del Belvedere di San Leucio, la cui vista si estendeva fino al mare, è già descritto nel Rilievo dei beni della principessa Anna Acquaviva nel 1635: un vero e proprio castello, ricco d'affreschi, marmi, porticati e logge ornate d'agrumi e lauri, collegato tramite i giardini, il bosco, la campagna e i vigneti circostanti con alcune aree riservate alla caccia. Qui il re Carlo aveva stabilito appunto una riserva di caccia ai cinghiali, ma fu il suo successore Ferdinando IV a decidere il destino dei luoghi nei quali aveva trascorso l'infanzia: fece annettere altri territori e ordinò la costruzione di un piccolo edificio che offrisse riposo ai cacciatori, la Vaccheria, nel quale impiantò una fabbrica di veli con maestranze importate dal Piemonte.

Purtroppo la morte dell'erede al trono Carlo Tito in quel sito spinse la famiglia reale ad abbandonarlo e a trasferire l'attività e le maestranze nel Belvedere. Il progetto del Collecini, già collaboratore di Vanvitelli nella costruzione della Reggia, prevedeva la costruzione di una vera e propria città industriale, Ferdinandopoli, alcune fabbriche, la realizzazione di interi quartieri per le residenze degli operai con al centro la grande piazza della seta, lo sfruttamento intensivo delle aree coltivabili. Ma l'occupazione francese avrebbe messo in crisi il progetto e San Leucio non sarebbe divenuta più una moderna città industriale. Del progetto originario furono realizzate le abitazioni, uno dei primi esempi di case a schiera, il Casino di San Silvestro, la Vaccheria e il sistema di collegamento stradale.

Il sito di Carditello ha origine dalla decisione del re Carlo di impiantare un allevamento di cavalli nel feudo appartenente al conte d'Acerra; fu solo durante il regno del figlio Ferdinando che Collecini ebbe l'incarico nel 1787 di progettare gli edifici che avessero la duplice funzione di "rifugio" reale per la caccia e di azienda agricola. Nelle intenzioni di Ferdinando, Carditello serviva per mettere in risalto la sua adesione alla vecchia politica agricola, mentre San Leucio doveva rappresentare la spinta verso il nuovo modello di sviluppo industriale, nato dalle idee dell'illuminismo, che avrebbe portato benessere alla popolazione.

Biglietti:

Interi

Ridotti:
- visitatori di eta' compresa tra i 18 ed i 25 anni non compiuti con l'esibizione di un documento.
- Docenti della Comunità Europea, con incarico a tempo indeterminato, delle scuole statali e Presidi.
N. B. : gratuità e riduzioni sono applicabili solo previa esibizione di valido documento di riconoscimento.

Gratuiti:
- ai cittadini dell'Unione Europea e degli stati sottoposti a condizioni di reciprocità con età inferiore ai 18 e superiore ai 65 anni previa esibizione di valido documento di riconoscimento. I visitatori minori di anni 12 debbono essere accompagnati;
- alle guide turistiche nell'esercizio della propria attività professionale, mediante esibizione di valida licenza, rilasciata dalla competente autorità;
- agli interpreti turistici quando occorra la loro opera a fianco della guida, mediante esibizione di valida licenza, rilasciata dalla competente autorità;
- al personale del Ministero per i Beni Culturali e Ambientali;
- ai membri dell' I.C.O.M. (International Council of Museums );
- a gruppi o comitive di studenti delle scuole italiane, statali e non statali e degli altri Stati appartenenti all' U.E., accompagnati dai loro insegnanti, previa prenotazione, nel contingente stabilito;
- ai docenti ed agli studenti delle facoltà di Architettura, Conservazione dei Beni Culturali, Scienze della Formazione e corsi di laurea in Lettere o materie letterarie con indirizzo archeologico o storico – artistico delle facoltà di Lettere e Filosofia delle università e delle accademie di Belle Arti Italiane (richiesta l'esibizione del certificato d'iscrizione per l'anno accademico in corso)

ATTENZIONE: L'ingresso al sito prenotato è vietato senza la presentazione del voucher o biglietto. La presentazione della copia dell'ordine non dà diritto all'ingresso. Non sono previste eccezioni a questa regola.
Organizzazione Tecnica CIVITA Mu.S.e A. Srl Provided by CIVITA Mu.S.e A. Srl
Castel Sant'Elmo
napoli
Da € 4.00
Vesuvio
napoli
Da € 70.00
Prenota
Da 4.00€
Palazzo Reale
napoli
Da € 1.65