Galleria Borbonica

Un percorso sotterraneo attraverso scale, acquedotti e cisterne di secoli fa

Panoramica

La Galleria, nata con scopi militari con un percorso che andava da Palazzo Reale a via Morelli, lungo il percorso intercettò la rete di cunicoli e cisterne legate all'antico acquedotto del Carmignano (1627-1629) che serviva la città di Napoli ed, in particolare, la zona di Pizzofalcone.

Negli anni successivi il progetto della Galleria Borbonica fu sospesa per motivazioni economiche e per il variato assetto politico che portò all’unità d’Italia. Durante la seconda Guerra Mondiale il Tunnel e le cavità adiacenti furono utilizzate come ricovero bellico durante i numerosi bombardamenti, prima alleati e poi tedeschi, a cui fu sottoposta la città di Napoli.

DA SAPERE PRIMA DI PRENOTARE

IMPORTANTE: Dopo aver completato con successo una prenotazione, riceverete due e- mails: la copia del vostro ordine (immediatamente dopo averlo fatto) e la mail di conferma (un giorno lavorativo dopo). Per poter ricevere queste due mail, vi preghiamo di accertarvi di inserire correttamente il vostro indirizzo di posta elettronica e controllare che i filtri anti-spam o antivirus non blocchino le mail dal nostro indirizzo [email protected] Attenzione speciale da parte degli utenti di AOL, Comcast e Sbcglobal.net.

I voucher saranno anche disponibili, un giorno lavorativo dopo la richiesta, alla tua dashboard.

ATTENZIONE: se l'orario richiesto è esaurito, si confermerà automaticamente l'orario disponibile più vicino a quello richiesto (qualsiasi orario), nella stessa data.

La Galleria Borbonica

La Galleria Borbonica è l'ultimo sito sotterraneo inaugurato in ordine di tempo, presentato al pubblico a novembre 2010, dopo l'opera di recupero compiuta nell'arco di 5 anni da parte dei geologi Gianluca Minin ed Enzo De Luzio, supportati volontariamente da speleologi, architetti ed appassionati di auto e moto d'epoca.

Al momento, è l'unico sito sotterraneo a Napoli gestito da privati ad avere una regolare concessione dal Demanio dello Stato che è proprietario de la Galleria, garantendo standard di sicurezza per i turisti. La Galleria Borbonica è anche l’unico sito ad avere un impianto elettrico certificato a norma di Legge e una polizza anti-infortuni che garantisce i visitatori durante la visita.

La Galleria, nata con scopi militari con un percorso che andava da Palazzo Reale a via Morelli, lungo il percorso intercettò la rete di cunicoli e cisterne legate all'antico acquedotto del Carmignano (1627-1629) che serviva la città di Napoli ed, in particolare, la zona di Pizzofalcone.

Negli anni successivi il progetto della Galleria Borbonica fu sospesa per motivazioni economiche e per il variato assetto politico che portò all’unità d’Italia. Durante la seconda Guerra Mondiale il Tunnel e le cavità adiacenti furono utilizzate come ricovero bellico durante i numerosi bombardamenti, prima alleati e poi tedeschi, a cui fu sottoposta la città di Napoli.

Il tour parte da Vico del Grottone giungendo, attraverso una scala del '700, in cisterne dell'acquedotto seicentesco del Carmignano utilizzate come ricovero bellico; il percorso è lungo circa 530 m e attraversa La Galleria Borbonica fino all'uscita su Via Morelli. All’interno della Galleria Borbonica è possibile ammirare le auto e le moto d’epoca, trasportate al suo interno dal Comune di Napoli dopo la Guerra quando gli ambienti caveali furono utilizzati come deposito giudiziale.

La Galleria è anche l'unico sito sotterraneo a Napoli in cu, anche per chi ha problemi motori, è possibile ammirare le opere civili borboniche e l'acquedotto seicentesco, con accesso dal Parcheggio Morelli.

Orari di apertura

La Galleria Borbonica è aperta ogni venerdì, sabato, domenica e giorni festivi.

Visite guidate con doppia guida alle ore 10:00; 12:00; 15:30 e 17:30.

Durata: 1 ora e 15 minuti.

Lingue: italiano e inglese.

Accessibilità

La Galleria Borbonica ha due diversi ingressi/uscita che possono essere scelti indifferentemente anche come unico punto di ingresso/uscita, uno dei quali permette anche l'accesso alle persone disabili. Alla stessa ora partono visite guidate da ciascuno dei due ingressi:

° Ingresso n.1 : vico del Grottone, 4, a 150 mt. dalla conosciuta Piazza del Plebiscito; salendo alle spalle della chiesa della piazza, ci si incammina per via Gennaro Serra e dopo 100 mt., nella seconda traversa a sinistra, si trova vico del Grottone. All'inizio di questo ingresso si scende attraverso una suggestiva scala del XVIII secolo, composta da 90 scalini

° Ingresso n. 2: via Domenico Morelli, 40, all'interno dell'ingresso pedonale dell'avveniristico parcheggio "Morelli", inaugurato a marzo 2011, e dal quale è possibile accedere su via piana

Servizi

A disposizione dei visitatori del tunnel:
- ambienti ampi, ben illuminati ed agevoli nel camminamento
- 7 toilettes e una macchina distributrice di snack e bibite
- accesso dal parcheggio di via Morelli che consente il comodo parcheggio delle auto ed un accesso a raso accessibile quindi anche ai disabili, i quali possono usufruire agevolmente della visita anche in carrozzella, per circa il 60% del percorso.
- sosta per i bus turistici vicino ad entrambi gli ingressi; il primo a soli 10 minuti a piedi dal grande parcheggio antistante il Porto di Napoli, l'altro a soli 150 mt. da Piazza Vittoria, da Villa Comunale e dal lungomare di Napoli.
- percorso guidato con doppia guida al fine di assistere al meglio il gruppo per tutta la durata del percorso.

Politica di cancellazione

Una volta confermata la visita, è possibile cancellarla e rimborsare il costo dei biglietti non utilizzati meno il costo del servizio.

Dettaglio Prezzi

Orari

Share this Service